vai al contenuto. vai al menu principale.

Il comune di Cascinette d'Ivrea appartiene a: Regione Piemonte - Città metropolitana di Torino

Storia

Cascinette d'Ivrea, 1500 abitanti per un'estensione territoriale di circa 2.2 Kmq, è adagiato ai piedi della Serra e fa parte del grandioso anfiteatro morenico del Canavese, uno dei piu imponenti al mondo.
Il suo territorio, prevalentemente pianeggiante, è contornato in parte da colline ricche di vegetazione e impreziosito dal suggestivo lago di Campagna, meta di pescatori e di famiglie in cerca di frescura e di tranquillità, recentemente dotato di un'area per turisti adeguatamente attrezzata.
Chiesa parrocchialeAnche se non conta secoli di gloria ed un turrito castello, Cascinette partecipò alle alterne fortune di Ivrea e Chiaverano; nei documenti compare intorno al 1600.
L'origine del nome "cascinette" è da ricercare nel termine "cassina" o cascina, cioè l'azienda agricola e trae origine dagli antichi casolari con tetti in paglia, detti bent, costruiti dagli abitanti di Chiaverano come base d'appoggio per i loro campi ubicati nella piana.
Con il trascorrere del tempo questi antichi ripari agricoli furono trasformati in abitazioni stabili di campagna, le "cassine nette di campagna, finaggo di Chiaverano", più tardi denominate Cascinette di Chiaverano.
Casa CanzanoNel periodo intercorrente fra il 1764 ed il 1770 venne costruita a servizio del paese, così formatosi, una cappella dedicata a S.Antonio di Padova che nel 1834, rimaneggiata ed ampliata divenne l'attuale chiesa parrocchiale. Dopo un lungo periono di contrasti e di lotte con i Chiaveranesi, motivati dal desiderio dei borghigiani di rendersi indipendenti, con la Legge del 22 giugno 1925 Cascinette ottenne l'autonomia da Chiaverano, di cui era frazione, assumendo l'attuale denominazione di Cascinette d'Ivrea.
Ciò avvenne soprattutto per merito di un tenace e poliedrico sacerdote, Don Carlo Farinetti, maestro nel paese per 40 anni e parroco per 25.
Il Cavalier Ufficiale Giovanni Crotta e la sua consorte Desolina Giglio Tos donarono il loro palazzo quale futura sede municipale e dotarono il Comune di un lascito in denaro di Lit. 100.000 (atto Notaio Borello 31 Ottobre 1929).
Sullo stemma di Cascinette, fatto insolito, appare il campanile senza la sua accogliente chiesa, situata nel piano a 200 metri di distanza. Area attrezzataIl motivo di questa atipica collocazione è dovuto alla necessità di costruirlo in posizione più elevata, sul monte Sasso, perché tutti gli abitanti del paese potessero leggerne l'ora (il progetto del campanile, costruito nel 1863, è opera dell'architetto Filippo Gaya).
In questi anni il paese ha saputo conquistarsi una notorietà nel settore della musica classica per merito di Aldo Canzano, insigne maestro di musica e compositore, scomparso nel 1968, la cui opera è tuttora continuata dagli allievi.
Cascinette d'Ivrea ha perso quasi del tutto l'impronta originaria di paese agricolo, assumendo quella di centro urbano residenziale situato nella periferia eporediese. A Cascinette Hanno sede piccole aziende operanti nel settore del commercio e dell'artigianato.